Lavorando a stretto contatto con i clienti, notiamo come la nostra flessibilità e capacità di adattamento ai diversi contesti sia molto apprezzata.
Applichiamo la Metodologia Agile non solo limitatamente al team di sviluppo ma come parte di una cultura condivisa da tutte le persone dell’azienda e dai fornitori, così da ottenere i migliori risultati.

Esistono però delle barriere comuni che le aziende devono affrontare per raggiungere una maggiore agilità.

1. Consenso ampio attorno al processo di adozione delle Metodologie Agili

Nella maggioranza dei casi l’impiego delle Metodologie Agili va ad appannaggio delle business unit di sviluppo o di operation. In realtà lo sviluppo di una soluzione software ha impatti su tutta l’azienda chiedendo il consenso anche di altre componenti.

I motivi che riducono il consenso all’interno delle organizzazioni sono molteplici, tra questi:

  • Lo sviluppo di progetti digitali viene visto come un aspetto puramente tecnico senza comprendere l’importanza data dal contributo di tutti (a prescindere dalla divisione aziendale di appartenenza)
  • L’approccio metodico viene visto come una “dote” dei tecnici e quindi viene tralasciato dalle altre figure professionali
  • E’ più semplice definire obiettivi e attività per un’unica area tecnica tracciandone l’avanzamento.

Un contributo per aiutare la contaminazione ed il coinvolgimento di tutti può arrivare dal nostro CanvUX 🙂

2. Resistenza da parte delle persone che non ritengono necessari i cambiamenti

Quando un’organizzazione inizia ad adottare un nuovo modo di fare le cose, la naturale risposta delle persone coinvolte è: “Abbiamo sempre fatto così”.

L’adozione delle Metodologie Agili richiede la revisione di alcuni ruoli, in particolare di quelli decisionali, che devono dare maggiore spazio ad un approccio democratico nei confronti di tutti i membri del team in modo tale che questi si sentano partecipi e liberi di esprimere le loro idee per il bene del progetto.

Il modo più semplice per iniziare tale percorso di cambiamento nelle aziende di tipo gerarchico è di lavorare fianco a fianco con aziende che adottano le pratiche agili, per poi provare ad applicare quanto imparato durante la collaborazione.

3. Trasparenza e Comunicazione

La trasparenza è l’elemento fondamentale alla base di un ottimo lavoro di squadra ed è uno dei principi base dell’Agile.
Se le persone del team non riescono a comunicare tra di loro in modo trasparente e collaborativo non saranno in grado di sollevare i problemi arrecando così un danno al progetto e all’intero team.
E’ fondamentale iniziare da subito a condividere tutto con il proprio gruppo di lavoro per essere ripagati con la stessa trasparenza!

4. Tentare di preservare i meccanismi di controllo

Uno degli ostacoli principali da parte dei vertici all’adozione delle Metodologie Agili è la “paura” di perdere il controllo dell’organizzazione lasciando troppa libertà alle persone.
Il valore di un’azienda sarà sempre di più legato alla qualità delle persone e alla loro capacità di adattarsi ed evolvere rapidamente perché si sentono parte di un progetto e sono motivate nell’offrire il proprio contributo.

Per raggiungere questo obiettivo l’approccio migliore è responsabilizzare le persone al raggiungimento degli obiettivi, non secondo il parametro del tempo ma della qualità, lasciando loro la libertà di decidere tempi e modi di realizzazione delle attività e rendendoli consapevoli che il loro lavoro avrà sempre degli impatti sulle altre persone.

5. Tentare di far crescere l’organizzazione prima che la cultura agile sia consolidata

Uno degli errori più comuni è voler far crescere l’organizzazione prima che si sia consolidata la cultura aziendale di lavoro agile basata sulla valorizzazione delle persone.

Capita spesso che le aziende comincino ad inserire persone nell’organizzazione senza seguire un piano di formazione e di trasferimento di valori aziendali necessari al mantenimento e al rafforzamento della cultura aziendale.

Il consiglio è di inserire gradatamente le persone nel team attraverso un percorso di affiancamento non solo tecnico ma soprattutto di valorizzazione della cultura aziendale.

6. Voler preservare delle dinamiche di “controllo” tipiche di un’organizzazione gerarchica

Dovrebbe essere il team a scegliere strumenti e metodi di lavoro in modo democratico.

Il consiglio è di lasciare libere le persone di sperimentare guidando il gruppo al confronto per la scelta degli strumenti che semplifichino le attività di tutti.

Cerchiamo di valorizzare le persone dando spazio ad ognuno di esprimersi ed offrire il proprio contributo!

Leave a Comment