Il 26 Febbraio si è svolto l’annuale evento del Gruppo Allos.

A far da cornice le Distillerie Poli di Schiavon (VI) che, grazie ad ambienti accoglienti e ricchi di storia, hanno contribuito a rendere ancora più suggestivi alcuni momenti trascorsi con i partecipanti all’evento.

Tutto ha avuto inizio con il benvenuto del “padrone di casa” Jacopo Poli che ha lasciato la parola poi a Rosario Troise e Stefano Dindo, rispettivamente CEO Allos e CEO Zero12, i quali dopo una breve presentazione del Gruppo hanno voluto contestualizzare l’occasione offrendo spunti e riflessioni sul tema della giornata: “la Cultura Digitale” e introducendo il Changegame (attività proposta ai partecipanti finalizzata a far comprendere loro, attraverso il gioco, il sensibile argomento della Trasformazione Digitale in azienda).

I partecipanti sono stati quindi divisi in gruppi, ciascuno in rappresentanza di una sede della medesima azienda alle prese con l’arduo obiettivo di avvicinarsi al target dei nativi digitali. Tale esperienza, iniziata dalla gestione di una problematica sfidante, si è conclusa con la scoperta di nuovi punti di vista ed un orientamento a nuove opportunità.

La possibilità di approfondire l’argomento è sorta subito dopo il gioco durante una serie di speech tenuti dai rappresentanti delle aziende del Gruppo: Rosario Troise, Mirko Soffia e Stefano Dindo. Ognuno ha contribuito a fornire una particolare visione della Trasformazione Digitale, affrontando gli aspetti legati ai suoi due pilastri: le persone e la tecnologia.
Questa tesi è stata rafforzata dalla successiva presentazione di Daniela Bottega e Alessandro Rossi, membri del team Peoplerise, società di servizi non convenzionali nel campo del people management e della social innovation.


Ecco la sintesi che possiamo condividere con quanti non hanno potuto essere presenti:

La cultura digitale parte dalle persone che, centro del processo tecnologico, divengono parte di un unico ecosistema olistico (azienda estesa) sfruttando numerosi strumenti a loro disposizione.

Le aziende estese, in seguito all’avvento del digitale, hanno perso la loro distinzione convenzionale di business-to-employee (B2E), business-to-business (B2B) e business-to-consumer (B2C).

Rimane un’unica categoria che noi chiamiamo “business-to-user”: B2U.


Desideri maggiori approfondimenti?

Consulta una parte della presentazione ufficiale dell’evento!

 

 

Leave a Comment