Il mercato dei dispositivi mobili, oramai da anni, è dominato da Android di Google e iOS di Apple che ne dettano tendenze e ritmi.

Tra i due contendenti il più diffuso è Android vista l’eterogeneità di dispositivi in cui è installato. La frammentazione è il punto forte e, allo stesso tempo, di debolezza di questo sistema operativo. Frammentazione che ha portato Android a primeggiare sul mercato ma, al tempo stesso, ad essere anche un annoso problema per gli sviluppatori per via delle difficoltà nel realizzare un’applicazione in grado di funzionare al meglio in ogni dispositivo e versione.

In questi giorni abbiamo letto il report annuale di OpenSignal, azienda specializzata nella mappatura delle reti wireless mobili, che, attraverso una rappresentazione grafica semplice ed intuitiva, è stata in grado di riassumere l’elevata frammentazione del robottino verde di Google!

Lo scopo di questo post, supportati dai dati forniti da OpenSignal, è quello di portare alla vostra attenzione alcuni spunti da considerare nella fase di progettazione e sviluppo di applicazioni mobili.

Un primo aspetto interessante della ricerca, come si può vedere dall’immagine sovrastante, è il tasso di crescita dei dispositivi Android che rispetto al 2012 sono più che quadruplicati arrivando ad una cifra di circa 18796 dispositivi unici nel 2014.

Il secondo aspetto di interesse è la conferma di Samsung come il produttore principale del mercato dei dispositivi mobili dotati di Android con una copertura del 43% che, nonostante una flessione rispetto al 2013 , si conferma in prima posizione seguita da Sony che copre solo 4,8%.

BrandFragmentation

Le notti insonni degli sviluppatori non sono dovute solo alla frammentazione dei dispositivi ma anche a quella del sistema operativo che, paragonata ad Apple, rende le attività di sviluppo di più complicate e complesse.

android_vs_apple_fragmentation

Ad onor del vero, bisogna segnalare che questo tipo di problema è in diminuzione in quanto le versioni 4.x sono in continua espansione garantendo una discreta omogeneità di funzioni.
Le differenze tra la versione 2.x, molto diffusa fino a quasi un anno fa, e la famiglia  4.x sono importanti e che quindi richiedono molti compromessi per le aziende che vogliono il supporto di entrambe le piattaforme.

Limitare quindi la compatibilità di una applicazione alla versione 4.x facilita quindi leggermente lo sviluppo.

Un’aspetto molto interessante nella fase di progettazione è il legame tra il reddito e la frammentazione del sistema operativo evidenziato dal report:

Pil_distribuzionedelleversioni

infatti, l’immagine precedente, mostra come le persone con un reddito superiore ai 20K $ utilizzino dispositivi con sistemi operativi aggiornati, Android Kitkat 4.4.x con una percentuale  prossima al 20% in più rispetto a persone con un reddito più basso, inferiore ai 20K $ anno, che utilizzano dispositivi più datati dove la versione di Android 2.x risulta essere ancora un segmento importante.

Siamo convinti che, dopo questi numeri, non siete più sicuri che sviluppare un’applicazione mobile sia facile.Vero?

Per questi motivi è necessario definire bene gli obiettivi e studiare il proprio mercato di utenza prima di sviluppare un’applicazione mobile infatti, le applicazioni mobili rappresentano la chiave diretta tra le aziende ed i propri clienti e quindi il risultato deve essere dei migliori.

A seconda della tipologia di azienda e progetto che si vuole realizzare gli interlocutori cambiano quindi è fondamentale nella fase di progettazione di un’applicazione mobile porsi alcune domande:

  • Chi è il mio target?
  • Quali dispositivi utilizza?
  • Per quali motivi dovrei estendere la compatibilità con tutte le versioni di android e tutti i dispositivi sul mercato?
  • I compromessi che devo accettare per una copertura ampia sui dispositivi è accettabile rispetto all’esperienza utente che voglio offrire ai miei clienti?

Queste sono alcune delle domande alla base della nostra attività di onboarding con i nostri clienti per aiutarli a definire gli obiettivi e le specifiche di progetto al fine di ottenere il miglior risultato possibile!

Leave a Comment